“Un Prato di libri” festeggia 10 anni

Dal 26 marzo al 10 aprile il cuore della 10a edizione del festival della lettura per bambini e ragazzi

“Un Prato di libri” festeggia 10 anni e torna con

un’edizione ricca di eventi in presenza

“Cambiamondo per vivere meglio” il tema di quest’anno. Per la prima volta iniziative al Centro Pecci. Oltre 40 eventi, 25 incontri con gli autori, 30 scuole e 10mila ragazzi coinvolti. Protagoniste le “seggiole” decorate e i lavori in concorso in mostra a Palazzo Banci Buonamici. Per i 10 anni creati un logo speciale coi disegni di 10 illustratori e una canzone

PRATO. “Un Prato di libri” compie 10 anni e torna ad animare la provincia pratese con tante storie per i più piccoli e non solo. L’edizione 2022 del festival della lettura per bambini e ragazzi under 18 vedrà il suo culmine dal 26 marzo al 10 aprile: in programma ci sono oltre 40 appuntamenti tra incontrilaboratoriletturespettacolimostre econcorsi, tutti legati dal filo rosso dell’arte di raccontare storie.

Nato nel 2012, dalla convinzione che quello dei libri sia un mondo senza barriere, in grado di creare legami oltre le differenze di abilità, culturali e sociali, “Un Prato di libri” è organizzato dall’associazione Il Geranio Onlus, con la collaborazione di Regione ToscanaProvincia di Prato e dei sette Comuni dell’area pratese, oltre che con la partecipazione di numerosi partner. Il ricavato della manifestazione sarà devoluto ai progetti di integrazione dei bambini con disabilità supportati dall’associazione Il Geranio Onlus.

“Cambiamondo per vivere meglio” è il tema scelto per l’edizione 2022 del festival, la 10a, che segna il ritorno in presenza con grandi numeri di “Un Prato di libri”, dopo due anni difficili, nei quali nonostante la pandemia la manifestazione non si è mai fermata, reinventandosi per continuare a portare la gioia della lettura ai ragazzi pratesi. Con la certezza che i libri e le storie, soprattutto se lette insieme ad alta voce, possono contribuire a costruire un mondo migliore: da lì il tema di quest’anno.

Tanti i luoghi toccati dal festival, che abbraccia tutti e sette i Comuni della provincia pratese: da Palazzo Banci Buonamici, nel centro storico di Prato, alla saletta Valentini di via Ricasoli 6, dove torna a grande richiesta la “Tana di Un Prato di libri”, casa base del festival, dalla villa del Mulinaccio di Vaiano al teatro Politeama, fino al Castello dell’Imperatore, dove il 21 maggio è prevista la festa finale della manifestazione. Per la prima volta nella storia di “Un Prato di Libri” ci sarà anche il Centro Pecci: gli spazi del centro dal 27 marzo al 10 aprile ospiteranno la mostra dal titolo “Tra gli alberi” dell’illustratrice Irene Penazzi, che il 10 aprile, sempre al Pecci, terrà anche un laboratorio di botanica immaginata, per bambini dai 7 ai 10 anni.

Per festeggiare i suoi 10 anni, “Un Prato di libri” ha inoltre creato un logo speciale, formato da 10 disegni dei 10 illustratori che, nel corso delle edizioni, hanno partecipato al festival: Simona Mulazzani, Gek Tessaro, Simone Frasca, Nicoletta Costa, Hervè Tullet, Silvia Baroncelli, Ilaria Guarducci, Irene Penazzi, Febe Sillani e Fabrizio Silei. Ma la 10a edizione di “Un Prato di libri” ha anche la sua canzone: scritta e interpretata da Laura Sacco di CrescenDo, sulle note del suo ukulele, con il testo di Stefano Bordiglioni, si intitola “Cambiamondo” e sarà la colonna sonora del festival.

Simbolo dell’edizione 2022 del festival sono anche le “seggiole” di “Un Prato di Libri”: le sedie decorate, scatenando al massimo la fantasia, dai bambini di terza, quarta e quinta della scuola primaria che parteciperanno alle letture animate di Sergio Guastini, il Raccontalibri. Le sette più originali, una per Comune, saranno premiate durante la festa finale al Castello dell’Imperatore.

Per celebrare il decimo anniversario di “Un Prato di libri” è stato indetto anche un concorso straordinario, rivolto sia agli studenti degli istituti dell’area pratese che ai loro insegnanti. I primi sono chiamati a creare un manifesto e un pieghevole leporello sul tema del festival. Ai docenti è stato invece chiesto di realizzare una presentazione del lavoro svolto con gli alunni, con l’obiettivo di raccogliere buone pratiche da condividere con altri insegnanti. Tutti gli elaborati saranno in mostra a Palazzo Buonamici dal 26 marzo al 10 aprile. La premiazione dei vincitori è in programma il 2 aprile al teatro Politeama. Le classi vincitrici del concorso parteciperanno, come premio, ad una visita alla Fattoria di Celle, suggestivo parco che ospita le opere di arte contemporanea del collezionista Giuliano Gori, da sempre amico e sostenitore di “Un Prato di libri”.

E proprio gli alunni delle scuole pratesi sono tra i protagonisti principali di “Un Prato di libri”: oltre 30 gli istituti coinvolti più di 10mila i ragazzi che potranno conoscere di e fare domande a 25 scrittori, grazie agli incontri con gli autori promossi dal festival, in corso nelle scuole dell’area pratese dal 18 gennaio scorso. Tra questi, il creatore della Pecora Nera Andrea ValenteStefano Bordiglioni, autore de “La congiura dei Cappuccetti”, e l’autrice de “La Costituzione raccontata ai bambini” Anna Sarfatti.

Ma la “febbre da lettura” di “Un Prato di libri” coinvolge anche i commercianti di Prato: in 13 negozi del centro storico dal 30 marzo al 14 aprile, grazie a “In centro con Un Prato di libri”, si potranno trovare specialità e prodotti ispirati al festival. Come la schiacciatina di Mago Merlino, i panini di Maridolce o la maglietta “Un Prato di libri”.

Tanti gli appuntamenti da non perdere del festival. Tra questi, lo spettacolo “Zhuan Chi nella foresta di bambù”, di Elisabetta Garilli, in programma sabato 2 aprile, alle 18, al teatro Politeama: un viaggio multisensoriale nella saggezza di terre lontane, che parla di ambiente mettendo insieme parole, danza, musica (sul palco una band di 9 elementi) e le illustrazioni realizzate in tempo reale con una lavagna luminosa. Ancora al Politeama domenica 3 aprile, alle 18, in programma il musical “Mary Poppins”, portato in scena dagli alunni della scuola media Don Bosco (per accedere agli spettacoli al Politeama è necessario indossare una mascherina Ffp2). Da segnare in agenda anche l’incontro con il

priore generale della congregazione camaldolese Alessandro Barban, che giovedì 7 aprile, alle 21, a Palazzo Banci Buonamici, parlerà di pace ripercorrendo la storia di Etty Hillesum, giovane scrittrice olandese ebrea vittima dell’Olocausto.

Confermato anche l’appuntamento con “Lettureinbus”, la maratona di lettura itinerante in autobus per le vie del centro di Prato, organizzata in collaborazione con Cap, in programma sabato 2 aprile, alle 15.

Il programma completo di “Un Prato di libri” e dettagli sui singoli eventi sono disponibili sul sito web http://www.unpratodilibri.com, dove è inoltre possibile prenotarsi ai laboratori in cartellone. Ulteriori informazioni sono reperibili sulla pagina Facebook “un Prato di libri” oppure scrivendo all’indirizzo email unpratodilibri@gmail.com o telefonando al numero 335 5283717. La segreteria del festival dal 26 marzo al 10 aprile sarà poi di base nella saletta Valentini di via Ricasoli 6 a Prato, la “Tana di in Un Prato di libri”, tutti i giorni dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 19.

Prato, 23/03/2022

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: